RISULTATO NON OPERATIVO

Il risultato non operativo del Gruppo si attesta a € -1.529 milioni (€ -1.318 milioni al 31 dicembre 2015). In particolare:

  • le perdite nette da valutazione risultano in aumento a € -543 milioni (€ -503 milioni del 31 dicembre 2015) e riguardano principalmente le svalutazioni su investimenti finanziari;
  • i profitti netti di realizzo sono in calo, attestandosi a € 422 milioni (€ 758 al 31 dicembre 2015) per effetto principalmente dei programmati minori realizzi sui portafogli immobiliari e azionari;
  • i proventi netti non operativi da fair value rimangono stabili a € -96 milioni (€ -96 milioni al 31 dicembre 2015);
  • gli altri costi e ricavi non operativi risultano in calo a € -519 milioni (€ -712 milioni al 31 dicembre 2015). Questa voce si compone di € -139 milioni relativi all’ammortamento del valore dei portafogli acquisiti (€ -142 al 31 dicembre 2015), € -176 milioni di costi di ristrutturazione (€ -269 al 31 dicembre 2015), e € -205 milioni di altri costi netti non operativi (€ -302 milioni al 31 dicembre 2015) che comprendono principalmente gli accantonamenti a fondi rischi.
  • i costi non operativi di holding si attestano a € -794 milioni (€ -764 milioni al 31 dicembre 2015). Questo andamento è stato influenzato dagli interessi passivi sul debito finanziario che, a seguito delle nuove emissioni di
    € 1,25 miliardi avvenuta nel quarto trimestre dello scorso anno e di € 850 milioni del maggio 2016, passano da €-684 milioni a € -723 milioni.