RISCHI E OPPORTUNITÀ DEL CONTESTO ESTERNO

Principali fattori di lungo termine che possono influenzare in modo significativo il business e la capacità di creare valore per il Gruppo

APPROFONDISCI

Risk Report
per una descrizione più dettagliata sul profilo di rischio e sulle specifiche metodologiche di valutazione, p. 92 della Relazione Annuale Integrata e Bilancio Consolidato 2016

RINNOVATE ESIGENZE DELLE CLIENTELA

Nell’attuale contesto economico incerto gli atteggiamenti dei consumatori verso prodotti e servizi assicurativi stanno cambiando, a seguito di due tendenze globali:

  • la digitalizzazione, che ha introdotto nuove opzioni per la vendita e una diversa gestione del prodotto assicurativo
  • l’incertezza economica, che ha modificato la spesa per polizze di risparmio e altri prodotti assicurativi.

I clienti mostrano oggi una maggiore attenzione alla qualità del servizio: non si affidano più soltanto all’agente per l’acquisto di un prodotto assicurativo, ma hanno un approccio più indipendente nel processo decisionale che comprende visite dei siti web delle compagnie di assicurazione, lettura delle recensioni dei clienti nei social media e controllo sui siti di confronto.

  • Rischio strategico 
  • Rischio assicurativo

La nostra gestione del rischio

Vogliamo diventare la prima scelta dei clienti e dei distributori. Offriamo soluzioni assicurative e servizi semplici, su misura e sempre più innovativi per rispondere ai loro bisogni reali, anche digitali, e migliorare la loro customer experience. Stiamo studiando e realizzando una vera e propria “trasformazione digitale” nelle nostre business unit in modo da rendere più efficiente la nostra rete distributiva nel mondo. La stiamo supportando affinché l’interazione con i clienti sia sempre più basata su un approccio consulenziale, ossia sull’interpretazione delle esigenze dei clienti e sull’offerta della soluzione che meglio si adatta a loro.
APPROFONDISCI:

Rapporto di Sostenibilità 2016, p. 57; 63

EVOLUZIONE TECNOLOGICA

Siamo di fronte a un profondo cambiamento causato dall’interazione e dall’effetto cumulato di molteplici sviluppi tecnologici: l'Internet of Things, il forte sviluppo delle reti mobili, l’adozione dei servizi cloud, gli sviluppi del cognitive computing e il machine learning sono tutti elementi che contribuiscono alla creazione di un rinnovato ambiente in cui operare.
La disponibilità senza precedenti di dati sulla clientela, uniti alle capacità tecnologiche di elaborazione del dato in maniera rapida e efficiente dal punto di vista dei costi, permette al business assicurativo di creare tariffe personalizzate e di individuare potenziali frodi, ma crea potenziali rischi derivanti dalla gestione di dati personali così come nuove sfide nell’ambito del tradizionale modello assicurativo di gestione dei rischi.
La tecnologia quale elemento abilitante dei processi può inoltre compromettere la continuità operativa aziendale, costituendo una potenziale minaccia (guasti e malfunzionamenti di impianti e sistemi, ecc.).

  • Rischio strategico 
  • Rischio operativo

La nostra gestione del rischio

Abbiamo implementato in tutte le nostre business unit una piattaforma di analytics sul cloud, sfruttando le tecnologie più innovative per la gestione e l’analisi di dati. La tecnologia è stata fondamentale per fornire una user experience di qualità superiore, studiata per avvicinarci alle richieste di maggiore interazione digitale da parte dei nostri clienti. Questo sviluppo si basa su un’architettura ibrida che rappresenta l’ultimo ritrovato della tecnologia mobile. Per salvaguardare la nostra affidabilità, reputazione e sopravvivenza da minacce di origine naturale, umana e tecnologica, abbiamo anche implementato un processo di Business Management Continuity che identifica i processi critici e i rischi operativi che possono comportare interruzione dell’operatività nonché misure di mitigazione dei rischi e soluzioni per recuperare e ripristinare nel minor tempo possibile e con ridotti impatti economici i processi vitali per il business.

SCENARIO MACRO-ECONOMICO E FINANZIARIO INCERTO

Nel corso del 2016 numerosi eventi di natura politica hanno impattato sull’economia mondiale: il referendum sulla riforma costituzionale italiana, la Brexit, le elezioni presidenziali americane. A livello macroeconomico l’Italia rimane in difficoltà, con una crescita prevista dello 0,8%; le previsioni per la crescita in Euro-zona sono invece dell’1,7% nel 2016 e dell’1,5% nel 2017. L’economia britannica non ha ancora mostrato segnali di rallentamento e si è registrata una svalutazione del 17% della sterlina contro l’euro. Gli Stati Uniti hanno visto un rallentamento dei consumi e deboli investimenti. Le previsioni per la crescita americana sono dell’1,6% nel 2016 e del 2,2% nel 2017; la Fed procederà dunque ad alzare il tasso di interesse di riferimento.
Il settore assicurativo europeo è stato caratterizzato da un buon andamento nei premi nel comparto danni (ad esclusione dell’Italia) in linea con la, seppur flebile, ripresa economica e da una certa sofferenza nell’andamento dei premi nel comparto vita, influenzato dai bassi tassi di interesse. Tale situazione dovrebbe continuare anche nel 2017; unica eccezione è attesa in Italia, Paese che dovrebbe registrare un miglioramento nella raccolta dei premi vita.

  • Rischio finanziario
  • Rischio di credito
  • Rischio strategico

La nostra gestione del rischio

Le aspettative macroeconomiche e finanziarie, unitamente alle attese di rendimento degli assicurati, alle regole di Solvency II relative al calcolo del capitale, agli obiettivi di redditività del Gruppo, sono i principali fattori che influenzano la definizione della nostra strategia di allocazione degli investimenti. Il trend di progressivo calo del livello dei tassi di interesse e il nuovo contesto regolamentare hanno inoltre reso ancora più importante una gestione degli attivi disciplinata e focalizzata sulla coerenza fra attivi e passivi. Nell’attività di investimento fattori come la diversificazione geografica e la scelta selettiva di investimenti alternativi sono importanti per l’obiettivo di contenere i rischi di portafoglio e consolidare la redditività corrente.

EVOLUZIONE NORMATIVA

Il settore assicurativo è caratterizzato da un articolato sistema normativo composto da norme
e regolamenti nazionali ed internazionali, in continua evoluzione. Segnaliamo tra i più significativi:

  • Solvency II come framework di vigilanza sul mercato assicurativo europeo che prevede tre pilastri in termini di misure di capitale, sistema di gestione dei rischi e disclosure dei rischi
  • Common Framework dell’International Association of Insurance Supervisors (IAIS) sullo sviluppo di requisiti standard di capitale sia qualitativi che quantitativi basati sul rischio per gruppi assicurativi attivi su scala mondial
  • Direttiva europea sulla Distribuzione Assicurativa e la regolamentazione sull’informativa e la trasparenza dei prodotti di investimento a garanzia di un sempre più alto livello di protezione del consumatore
  • Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali per una migliore tutela del cittadino
  • Direttiva europea sulle informazioni non finanziarie
  • IFRS 9 (strumenti finanziari) e IFRS 17 (contratti assicurativi).
  • Rischio strategico 
  • Rischio operativo

La nostra gestione del rischio

Svolgiamo la nostra attività nel rispetto della legge, dei regolamenti e codici interni e dell’etica professionale e seguiamo da vicino l’evoluzione del quadro normativo, dialogando con i legislatori e le istituzioni.
Abbiamo implementato i requisiti organizzativi previsti da Solvency II e ricevuto l’approvazione del modello interno parziale per la determinazione del requisito patrimoniale di solvibilità del Gruppo da parte dell’Autorità di vigilanza.
Siamo impegnati nei vari test svolti dall’International Association of Insurance Supervisors (IAIS) per determinare l’architettura finale e le varie calibrazioni dei requisiti di vigilanza.
Abbiamo rafforzato un’iniziativa internazionale e polifunzionale finalizzata alla condivisione all’interno del Gruppo di conoscenze, esperienze e buone pratiche in materia di sviluppo prodotti e strategie distributive in modo da essere pronti per implementare i requisiti normativi richiesti.
Abbiamo contribuito al dibattito europeo in materia di protezione dei dati personali e continuiamo a monitorare la definizione delle misure di dettaglio per cogliere aspetti attinenti alla nostra attività da implementare. Monitoriamo anche gli sviluppi normativi relativi alla nuova reportistica in tema di informazioni non finanziarie, al fine di garantirne l’implementazione. Seguiamo infine gli sviluppi sui principi contabili internazionali tramite gruppi di lavoro specializzati sulle tematiche investimenti e contratti assicurativi.

SFIDE AMBIENTALI

Il riscaldamento globale causato dalle emissioni di gas serra di origine antropica comporta l’aumento di eventi climatici estremi, come l’incremento della temperatura e le inondazioni, che diventano sempre più frequenti e violenti. Sono fattori che impattano sul sistema economico e sociale e i relativi bisogni assicurativi.
Adeguate contromisure si rendono pertanto necessarie per evitare danni più elevati e una maggiore volatilità, che influenzerebbero negativamente la dinamica dei prezzi delle polizze anche a causa del maggiore assorbimento di capitale derivante dagli affari sottoscritti e dunque renderebbe eccessivamente oneroso l’accesso all’assicurazione o addirittura, in casi estremi, impraticabile l’offerta.

  • Rischio sottoscrittivo 
  • Rischi emergenti
  • Rischio operativo

La nostra gestione del rischio

Monitoriamo costantemente i principali pericoli e territori in cui siamo esposti, utilizzando modelli attuariali per stimare i danni che potrebbero derivare dai fenomeni naturali. Possiamo così ottimizzare la nostra strategia sottoscrittiva. La riassicurazione ha un ruolo fondamentale: gestiamo centralmente le nostre protezioni, per sfruttare le economie di scala e di prezzo consentiteci dalle dimensioni del Gruppo, con l’obiettivo di far leva sulla diversificazione del business. Continuiamo anche a monitorare e ridurre i nostri impatti diretti e a favorire la limitazione del riscaldamento globale sotto i 2°C attraverso le nostre soluzioni assicurative e i nostri investimenti. Sviluppiamo e distribuiamo prodotti sempre più innovativi, associati ad un alto livello di servizi, per soddisfare la potenziale domanda di maggiore e migliore protezione contro eventi catastrofali, oltre che prodotti che premiamo scelte e comportamenti virtuosi ed ecosostenibili. Ci adoperiamo, anche in collaborazione con altri stakeholder pubblici e privati, a sostenere quelle iniziative che rendano più conveniente l’accesso ai prodotti assicurativi, per esempio attraverso un’imposizione fiscale più favorevole per le coperture catastrofali che consentirebbe un minor impatto sul pubblico nella ricostruzione, nonché iniziative che siano volte alla prevenzione e mitigazione dei rischi ambientali. Investiamo in modo responsabile, escludendo dal nostro universo investibile anche quelle società che sono coinvolte in gravi danni ambientali. Supportiamo la ricerca e studi sui rischi ambientali.APPROFONDISCI

Rapporto di Sostenibilità 2016, p. 78

CAMBIAMENTO DEMOGRAFICO E SOCIALE

Fenomeni demografici e sociali di opposta portata caratterizzano le comunità moderne: un continuo invecchiamento della popolazione, guidato dall’incremento delle aspettative di vita e dalla riduzione dei tassi di natalità, parzialmente controbilanciato da crescenti fenomeni migratori che arricchiscono le fasce di età più giovani la cui capacità reddituale media è però molto ridotta e fortemente condizionata da un mercato del lavoro flessibile ma precario. Permane il rischio di comunità sempre più sbilanciate, dove all’incremento del fabbisogno previdenziale e assistenziale delle fasce di età più elevate con una maggiore disponibilità di risparmio non corrisponde una più adeguata copertura da parte dei sistemi pubblici, e dove le risorse prodotte dalle generazioni più giovani o in generale derivanti dal risparmio privato vanno indirizzate e valorizzate con ancor maggiore attenzione.

  • Rischio sottoscrittivo 
  • Rischi emergenti

La nostra gestione del rischio

Monitoriamo e gestiamo gli effetti di una società in via di cambiamento. Offriamo soluzioni effettive, flessibili e modulari ad alto contenuto previdenziale e assistenziale per la copertura delle spese sanitarie e di ogni altro possibile fabbisogno presente e futuro, individuale e familiare. Ci impegniamo a rafforzare il dialogo con le persone, fornendo informazioni complete e facilmente fruibili sui prodotti e servizi, aiutando a comprendere i principali rischi che possono incidere sulla loro capacità reddituale e a valutare accuratamente la loro capacità di risparmio e il gap finanziario all’età di pensionamento tra fondo pensione accumulato e proiezione degli introiti economici. Riteniamo infatti importante fornire supporto per affrontare con il dovuto anticipo i possibili bisogni dell’età avanzata con un adeguato finanziamento, in un contesto di generale scarsa conoscenza e propensione alla ricerca di soluzioni assicurative.