ANDAMENTO DELLA RACCOLTA E DEL NEW BUSINESS

I premi del segmento vita, comprensivi dei premi relativi a polizze di investimento, ammontano a € 49.730 milioni, registrando un calo del 6,3% rispetto all’esercizio precedente che riflette l’approccio sempre più disciplinato nell’offerta.

Con riferimento alle linee di business, prosegue infatti il pianificato calo nei prodotti risparmio (-5,7%) che riflette nei principali paesi di operatività le azioni di ribilanciamento della raccolta verso prodotti che presentano migliori caratteristiche in termini di ritorno rispetto al rischio. La linea unit linked (-10,9%) risulta ancora condizionata dalla volatilità dei mercati azionari, mentre i prodotti puro rischio e malattia (-2,8%) vedono performance positive nelle principali aree in cui il Gruppo opera, compensate dal calo registrato in Germania (-12,4%) che deriva da un andamento positivo occorso nel 2015 nelle linee malattia.

Premi del segmento vita

La raccolta netta si conferma a eccellenti livelli raggiungendo i € 12.049 milioni, valore al di sopra della media degli ultimi 5 anni. Il calo evidenziato (-18,5%) è determinato da un confronto sul 2015 caratterizzato da una raccolta record di quasi € 15 miliardi. L’andamento riflette in particolare il calo registrato in Germania, Francia e Italia per le politiche di sottoscrizione maggiormente selettive nei prodotti risparmio, interessati tra l’altro da una profonda revisione dell’offerta, per adeguarla anche all’attuale contesto di bassi tassi di interesse. La Germania inoltre ha registrato un incremento delle uscite per scadenze legate a un particolare portafoglio giunto a naturale scadenza. Prosegue invece l’ottimo andamento in Asia, la cui raccolta netta cresce del 40%.

La nuova produzione in termini di premi annui equivalenti (APE) si attesta a € 4.847 milioni, in calo del 6,6% rispetto all’anno precedente. Tale andamento è imputabile principalmente alla contrazione dei premi unici (-13,4%) osservata in tutti i principali mercati ad eccezione dell’Asia, dove invece si registra una crescita del 47,8%. Sostanzialmente stabili i premi annui (-0,5%); la flessione osservata in Italia, Germania, nei paesi CEE ed EMEA è infatti compensata dalla crescita in Francia ed Asia.

Con riferimento alle linee di business, si osserva un miglioramento della produzione del business di rischio con un buon livello di crescita (+12,4%), principalmente grazie alla produzione in Francia (+21,7%) ed in Asia (+72,0%). In calo invece il business unit linked (-11,3%) nelle principali aree: -18,8% in Italia, che sconta la forte crescita dei prodotti “multi-ramo” registrata nell’anno precedente, nonché in Francia ed in Germania. Il business di risparmio registra anch’esso una riduzione (-9,7%) dovuta sia alla sfavorevole situazione finanziaria sia alle azioni del Gruppo volte a una prudente gestione delle garanzie offerte.

L’efficacia delle azioni poste in essere, coerentemente con il piano strategico, sono confermate anche dal valore della nuova produzione (NBV) che segna un forte miglioramento (+14,6%) attestandosi a € 1.256 milioni (€ 1.097 milioni al 31 dicembre 2015).

Il margine della nuova produzione (NBM) segna una marcata crescita di 4,8 p.p. portandosi a 25,9% (21,0% al 31 dicembre 2015), principalmente grazie al riorientamento delle vendite verso il business di puro rischio ed all’efficace ricalibrazione delle garanzie, nonostante un contesto economico peggiore rispetto all’anno precedente.